collaborazioni · recensioni · serie in corso

Amnia Vol. 1 – Il Sogno del Rinnegato di Simone Gambierini e Aligi Pezzatini

44552211._sx318_

 

Titolo: Amnia Vol. 1 – Il Sogno del Rinnegato

Autore: Simone Gambierini e Aligi Pezzatini

Editore: Youcanprint

Data uscita: 02/02/2019

Pagine: 416

Sezione: Fantascienza e Fantasy

Genere: Fantasy

Prezzo: Ebook 2,99€ – Cartaceo 11,49€

Voto: 4/5

Link: qui

TRAMA

Nel mondo di Amnia vige una sola regola: l’equilibrio tra Vàlor e Tyran, tra lo Spirito della Libertà e lo Spirito dell’Ordine, tra il dio che ha creato la razza umana e quello che ha creato la razza dei rettiloidi, dev’essere sempre preservato. Che cosa accadrebbe se Samas, il terzo polo della Triade divina attorno a cui ruotano tutta l’esistenza, la possibilità e la perdita, non riuscisse più ad assicurare che uno Spirito non prevalga sull’altro? Secondo la Profezia dell’Equilibrio, la razza reietta – gli elfi creati della dea Ardesia – deciderebbero di sostenere uno dei due Poli, la Luna si spezzerebbe a metà, Nemesi si risveglierebbe per svolgere il suo compito, oscurando lentamente il Sole. E, una volta arrivato il buio, Amnia ritornerebbe al suo stato iniziale, quando niente ancora esisteva.

É il 1492, e tra l’Impero di Anosia, terra degli umani, e l’Egemonia di Tyranian, terra dei rettiloidi, la lotta combattuta dai mortali per conto degli dèi Vàlor e Tyran, attraversa una periodo di relativa pace. Le guerre tra i due schieramenti sono lontane negli anni, e la Profezia dell’Equilibrio non sembra essersi mai realizzata.
Ma quando il chierico Keldon di Manis e il tenente dei Paladini di Vàlor Duncan di Brintasien si ritrovano nel Bosco delle Sette Sequoie insieme alla druida Morgase nonché agli elfi Liriel, Firion e Nalatien, il mistero che avvolge il Bracciale Perduto, che le Maschere d’Ombra e uno strano uomo con un’armatura sconosciuta vogliono fare proprio con qualunque mezzo, li catapulta in un passato in cui i segni indicati nella Profezia stanno cominciando a manifestarsi.

Ha così inizio una lunga avventura, in cui i protagonisti di questa avvincente – quasi epica – saga fantasy si ritroveranno a vivere in un mondo dove tutto ciò che era bandito sembra aver fatto il suo ritorno, e in cui la lotta fratricida tra gli dèi della Triade divina per la conquista dell’egemonia consente al Rinnegato di uscire dallo Scrigno in cui è stato rinchiuso per millenni per diventare l’unico dio che tutta Amnia possa adorare.

 

RECENSIONE

Grazie a Officina del Fantasy ho potuto ricevere i primi due volumi di “Amnia”, una saga fantasy che ha catturato la mia attenzione già con le copertine (che trovo spettacolari).

Il primo volume di Amnia ci mostra un mondo dove la Triade è l’equilibrio del mondo e quest’ultimo viene spezzato portando guerra e distruzione. I protragonisti della storia si incontrano facendo intrecciare i fili del destino e mostrando che l’unione tra specie diverse non porta sempre a qualcosa di negativo.

Duncan e Keldon, seguaci di Vàlor, saranno i primi a mostrarsi ai nostri occhi. Un paladino e un chierico (il mio cuore ha perso un battito) incontreranno la druida Morgase e – sfortunatamente – anche Joel che vuole assolutamente prendere il bracciale che indossa Duncan.

Dopo che anche gli elfi Liriel, Firion e Nalatien – esiliati dal loro popolo – si uniscono al trio, il gruppo viene trasportato nel passato e la Profezia ha inizio.

Ho apprezzato molto lo stile di scrittura di Simone e Aligi. Ogni cosa è descritta nei minimi particolari, lasciando che il lettore si inoltri nelle foreste, nei villaggi e nelle battaglie, come se stesse partecipando in prima persona agli eventi.
Le creature del mondo di Amnia sono molteplici ma – forse in modo troppo scontato – Bàlor è il mio preferito.

I personaggi sono unici, hanno tutti caratteri e personalità diverse e questo “miscuglio” messo insieme in questo mitico gruppo porta odio e amore, legami che nascono e persone a cui affidarsi.
Insidia, la lupa di Morgase è nel mio cuore!
Alla fine del romanzo vi è anche una lista con la lista dei personaggi e le loro descrizioni (fisiche e di background).

Un fantasy ben scritto, con idee classiche e innovative di questo genere. L’attenzione non viene mai persa e l’azione si alterna a scene di quiete (poche ma perfette per far calare leggermente l’adrenalina).
Il finale mi ha lasciata spiazzata e non vedo l’ora di leggere il secondo volume.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...